CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Ultimissime calcio Napoli

3-5-2 e 4-3-3: i perché delle nuove filosofie del calcio Italiano

Submitted by on giovedì, 13 settembre 2012No Comment

C’era una volta il trequartista. Quello puro, il 10. L’uomo tra le linee, la brezza e la fantasia, l’estro al servizio dei palati, dei tacchi e dei tacchetti. C’era la mania dell’albero di Natale, c’era il calcio totale, c’era il 4-2-fantasia. Perché il calcio è come un pantalone a zampa d’elefante, un golf a collo alto; come un colletto tirato su, come la scarpa lucida, come lo scollo a v. Mode passeggere e idee radicate che s’intrecciano, che ritornano.

Le tendenze del 2012/2013 raccontano di due correnti di pensiero che vanno per la maggiore: lo schema Zeman e lo schema Mazzarri. Tre attaccanti o tre difensori, due marchi di riconoscimento rilanciati, negli ultimi tempi, dal boemo e dal toscano, nella Serie A italiana. Filosofie di vita, pure, di chi ha sempre preso tutto a testa alta, attaccando sfrontatamente sistemi di gioco e sistemi politici, oppure quelle di chi si è chiuso a riccio per sfogare rabbia e capacità in ripartenze fulminee.

Modi d’intendere, d’interpretare: i due davanti, coi tre difensori, possono essere un furetto ed un giocoliere, come nel caso della Juventus di Conte/Carrera, leggi Giovinco-Vucinic, dove le incursioni degli interni di centrocampo valgon però molto di più di quelle degli esterni come a Napoli. La Fiorentina di Montella, in questo, viaggia nel guado, a caccia delle frecciate dei mediani e delle falcate delle ali. Tre punte, per i tre punti, è anche l’idea di Ferrara, che ad un marcantonio come Maxi Lopez, affianca un uomo largo come Estigarribia ed una seconda punta come Eder.

Cambia l’attaccante, da grande a piccolo, dalla Gallina a Bergessio, ma l’idea di Maran con Gomez e Barrientos ai fianchi è la stessa. C’è poi chi non abbandona il trequartista, seppur atipico, come il Milan, con Boateng a galleggiare tra le linee ed a servire talvolta i due incursori di mediana. C’è invece chi, con una punta centrale, vedi Stramaccioni con Milito, varia dal compagno di banco come Cassano al duo Palacio-Sneijder a ballar tango dietro il centravanti.

Diamanti e Taider lo fanno con Gilardino a Bologna, Petkovic ha invece optato per un quattro fluido dietro a Klose, con Ledesma in regia più arretrato. Integralismi, appunto. Corsie e solo corsie, è il dogma di Ventura e del suo Torino. Lo stesso di Sannino che però, a Palermo, ha meno esterni di quelli sperati. 3-5-2 Fiorentina, Juventus, Napoli, Parma, Siena, Udinese 4-3-3 Cagliari, Catania, Genoa, Pescara, Sampdoria, Roma 4-3-2-1 Bologna, Inter 4-3-1-2 Milan, Chievo 4-4-2 Palermo 4-2-4 Torino 4-4-1-1 Atalanta 4-1-4-1 Lazio . Tmw.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.