CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Antonello Perillo: ” Napoli a Rischio penalizzazione? E’ ora di dire basta!

Submitted by on venerdì, 13 gennaio 2012No Comment

Se i regolamenti calcistici sono fatti male, è ora di battersi tutti insieme per cambiarli immediatamente. In questo Paese davvero non funziona più nulla… Quanto scrive la Gazzetta dello Sport rischia di minare la credibilità dell’intero sistema calcistico italiano. Secondo la “rosea” ilNapoli rischia una penalizzazione in classifica e la squalifica di alcuni suoi tesserati (Cannavaro e Grava, oltre agli ex Gianello e Mascara) per una presunta storia di scommesse.

Una vicenda che ruota attorno alla presenza del figlio di un boss a bordo campo, durante Napoli-Parma 2-3 dell’aprile 2010, e su flussi anomali di giocate online. Ok. Si vada avanti come è giusto che sia, con tutte le verifiche. Ma il Napoli che cosa c’entra? Per stessa ammissione degli inviati-investigatori della Gazzetta, il Napoli è parte lesa. E allora di quale penalizzazione vogliamo parlare? Basta! Così si distrugge il calcio.

De Laurentiis saprà difendersi. E i napoletani che amano i colori della loro città lo appoggeranno con la consueta civiltà che li contraddistingue. Antonello Perillo per Azzurrissimo ===== La Gazzetta dello Sport scrive quanto segue, in un articolo firmato da Francesco Ceniti e Maurizio Galdi. Arrivano cattive notizie per il Napoli: la squadra di Mazzarri ha iniziato nel migliore dei modi il 2012, ma potrebbe ritrovarsi a correre in salita per via di una possibile penalizzazione.

Come mai? Tutto dipende dal filone di inchieste sulle scommesse gestito dai magistrati del capoluogo campano. Soprattutto un’inchiesta ha avuto un’improvvisa accelerazione che avrà sicure ripercussioni anche per la giustizia sportiva. Napoli indaga su diversi fronti, da un lato c’è il pool «reati da stadio» che lavora sulle partite degli azzurri e su eventuali tentativi di combine, dall’altro la Dda Direzione distrettuale antimafia che lavora sulle infiltrazioni della camorra in particolare il clan D’Alessandro di Castellammare di Stabia nel mondo dei bookmaker, ma che va anche oltre.

Reati da stadio Ha fatto notevoli passi avanti l’indagine partita da una strana coincidenza: alla partita Napoli-Parma 2-3 dell’aprile 2010 assisteva tranquillamente da bordo campo Antonio Lo Russo, figlio di un boss della camorra, entrato qualche giorno dopo in latitanza. Quella gara è stata messa sotto il microscopio perché il risultato e i flussi anomali sulle scommesse tra primo e secondo tempo, non convinceva i giudici l’aggiunto Giovanni Melillo e sostituti De Simone e Ranieri.

Alla fine sono scattate le iscrizioni nel registro degli indagati per i fratelli Cossato e per Matteo Gianello, portiere del Napoli fino allo scorso giugno. L’accusa è frode sportiva in concorso. Nel registro degli indagati, infatti, sono finite anche altre persone. Insomma, per gli inquirenti su quella partita è stata tentata di sicuro una combine: da capire se andata a buon fine come sembra oppure no. Personaggio chiave È Gianello, ex portiere azzurro, il personaggio chiave.

È stato ascoltato dai magistrati a giugno e subito dopo sono stati sentiti tre calciatori del NapoliCannavaroMascara e Grava. Gli inquirenti hanno anche voluto verificare se i tre commentassero e come gli interrogatori attraverso delle intercettazioni. Nessuno di loro risulta indagato, ma le indagini proseguono anche perché ai fratelli Cossato la polizia ha sequestrato pc e telefonini che ora sono al vaglio degli esperti per «superare le numerose password di protezione».

La giustizia sportiva Il Procuratore federale Stefano Palazzi, che con Melillo è in stretto contatto, pur informato dell’inchiesta non ha ancora ricevuto nessuna documentazione, ma è probabile che quanto prima debba aprire un fascicolo sulla vicenda visto, soprattutto, che sono diverse le partite del Napoli entrate nel mirino della magistratura sia napoletana che cremonese. Secondo i magistrati ma il legale di Gianello Siniscalchi smentisce il portiere potrebbe aver partecipato alla frode.

Se questa ipotesi dovesse essere confermata, il Napoli parte lesa per la giustizia ordinaria avrebbe conseguenze in sede di giustizia sportiva vedi i casi di Cremonese e Benevento penalizzati a causa del tesserato Paoloni per responsabilità oggettiva. A rischio squalifica Cannavaro,Mascara e Grava per i quali Palazzi potrebbe far scattare l’omessa denuncia se, come ipotizzano gli inquirenti, erano a conoscenza delle scommesse di Gianello o, cosa ancor più grave, che avesse tentato di alterare delle partite.

De Sanctis Gli stessi magistrati hanno acquisito le immagini della «delusione» di De Sanctis in Napoli-Lecce dopo il 4-1 Cavani, sentendo ieri il portiere che ha ribadito la sua versione «non ho l’abitudine di esultare in campo, ma nello spogliatoio. Ero nervoso per le numerose occasioni mancate dai miei compagni». A. Perillo per Azzurrissimo.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.