CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, RASSEGNA STAMPA, Ultimissime calcio Napoli

Britos: “Il gol è stato studiato in allenamento e il merito è di Lavezzi”

Submitted by on martedì, 14 febbraio 2012No Comment

Rassegna Stampa – Tenera la notte: e in quel lampo accecante di felicità estrema, mentre intorno c’è il clima di festa, val la pena lanciare l’amo e ritrovarsi sulla spiaggia di Formia, alla ricerca della serenità perduta, in quei momenti di tristezza affogati nella pesca, lo spartiacque di un umore contrastante. «Rete» e chissà quante volte Miguel Angel Britos l’ha urlato al vento, ripensando a quei cinque mesi d’inferno, cominciati in un santuario del calcio, al Camp Nou, e poi consumati a pregare, a sperare, a lanciare sguardi nell’orizzonte vuoto. «E’ stata una rete studiata in allenamento, schema riprovato più volte. Ma devo ringraziareLavezzi che mi ha sistemato il pallone in testa. Sono contento, è chiaro che lo sono: ne ho passate tante».

LA PRIMA VOLTA – Manco il tempo di cominciare, di infilarsi nel Napoli sognato, ed è già finita: è il 22 agosto e Barcellona, il luna park del football mondiale, diventa una prigione, anzi peggio, una sala operatoria, con le luci fioche che illuminano la disperazione e la diagnosi che alimenta il pessimismo: «Infrazione al quinto metatarso del piede destro». E’ una randellata all’euforia dell’estate, è una sentenza che rimanda all’inverno inoltrato, perché serve tempo, e quanto, e poi occorre pazienza e sacrificio. Barcellona è dunque la clinica Dexeus, non più il giardino più verde di quell’universo calcistico da osservare senza starsene dietro al buco della serratura: e, a quel punto, stranezze della vita, nasce pure il mistero buffo, perché Britos rimane inghiottito dal silenzio e dalla rieducazione, dalla rabbia e dall’impotenza che, minuto quindicesimo di Napoli-Chievo, possono finalmente svanire.

IL COLPACCIO – Le storie son contorte, a volte, ed altre invece sono semplicemente paradossali o anche banali o persino naturali, perché nel preventivo va inserito il rischio: ma succede tutto così in fretta, e anche rocambolescamente, complice il destino cinico e baro, che l’affare difensivo del mercato finisce per divenire materia di discussione e quegli otto milioni investiti per avere uno dei centrali difensivi graditi a Mazzarri quasi si trasformano, e chissà perché, in carta straccia, in un’improvvida scelta. Colpa del fato, però intanto, nell’io più profondo d’un giovanottone disarmato, l’amarezza diviene la padrona di giornate consegnate al surf-casting, alla canna da pesca, ad una fantasia da coltivare e ad una rivincita da realizzare: verrà il giorno in cui….13 febbraio 2012, la palla è lì nel cielo e si va incontro ad essa. «Abbiamo dimostrato di esserci ancora, ora pensiamo alla Fiorentina, poi verrà il Chelsea».

La scelta – Perché la dea bendata a un certo punto doveva pur ricordarsi di Miguel Angel Britos, ventisei anni e mezzo, un fisico da corazziere come la compagnia che l’ha accolto, e un conto aperto con la sorte: 15’ di Napoli-Chievo, si va all’incasso, passando nella ressa dell’area di rigore avversaria, andando a capitalizzare i blocchi di centrocampisti amici, e mollando una capocciata al pallone che sembra un gancio alla maledizione, prima di esultare da pescatore con Cavani: « Ne avevo parlato con Edy, se avesse segnato uno di noi avrebbe festeggiato in quel modo. Ringrazio i tifosi che mi hanno sostenuto anche negli errori. Sto cominciando ora a giocare e sto capendo i movimenti. Sto riconquistando me stesso, sto tornando». Si riparte: brrr, Britos, questa è vita! Corriere dello Sport .

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.