CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Opinioni Calcio Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Carmine Di Donato: Vi spiego le caratteristiche del 3-5-1-1 di Mazzarri

Submitted by on venerdì, 20 luglio 2012No Comment

Il 3-5-1-1 è sostanzialmente una variazione del 3-5-2, con i due attaccanti che invece di stare sulla stessa linea, giocano ad una distanzia di 10 metri in verticale l’uno dall’altro.

Lo scorso anno la difesa è stata il punto debole dalla squadra di Mazzarri e a tal punto, il 3-5-1-1 offre una maggiore copertura alla  difesa e in più con un giocatore come Inler, il centrocampo a 5 permetterà di esaltare le sue qualità, posizionandosi davanti alla difesa e permetterà ad Hamsik di partire arretrato, dando libero sfogo ai suoi imprevedibili inserimenti da lontano,  sfuggendo alle marcature delle difese avversarie.

Questo modulo, garantisce divertimento e calcio-spettacolo agli spettatori, grazie ai continui inserimenti e i cambi di gioco, garantendo tantissimi gol.

Cavani è in grado di fare la differenza in attacco e quindi si ritrova ad essere perfetto in questo modulo, in quanto la squadra cercherà in tutti i modi di supportarlo costruendogli attorno una sorta di “gabbia” al fine di impedire alla squadra avversaria di pressare troppo il Matador.

Nella fase di non possesso palla è fondamentale il pressing alto, effettuato a partire da Pandev e Insigne (dipende da chi giocherà da trequartista) e da uno dei tre centrocampisti centrali, quali Hamsik o Dzemaili. Una volta riconquista palla attraverso il pressing, sarà possibile far ripartire la squadra in contropiede.

Un’altra arma del 3-5-1-1 è una ripartenza veloce attraverso il lancio verso Cavani o la prima punta di ruolo, che così potrà sia andare verso la porta avversaria per concludere a rete oppure, fare da sponda (al trequartista, l’esterno o un centrocampista) ad un compagno chi si inserisce e Hamsik è un maestro in questo.

Gli esterni sono importantissimi in fase di non possesso, perchè quando la squadra avversaria attacca in contropiede, uno degli esterni arretra formando una difesa a quattro, mentre a centrocampo uno dei centrocampisti si allarga per ricoprire lo spazio vuoto lasciato dal compagno e a sua volta in quella posizione, sarà ccupata dal trequartista formando così un 4-5-1; Gli esterni quindi possono anche abbassarsi entrambi, per formare una difesa a cinque, dando la possibilità a un difensore di uscire dalla linea per recuperare palla.

Carmine Di Donato

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.