CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Donadoni-Mazzarri: diversi in tutto

Submitted by on sabato, 3 marzo 2012No Comment

Ci mancherebbe: rispettabilissimi entrambi in campo e fuori, ma diversi. Addirittura opposti nel loro modo di porsi ai calciatori, prima ancora che alle geometrie del calcio. Questione di filosofia. O d’abitudine. O forse di carattere soltanto, chi lo sa. Ovvio, ognuno è fatto a modo suo, ma Mazzarri e Donadoni – domani avversari a Parma – davvero in comune non hanno proprio nulla. Anzi, fanno addirittura scintille se appena appena si “strofinano” anche solo da lontano. Parola del Napoli di ieri e anche di oggi. Di quel Napoli, cioè, che proprio Mazzarri ereditò da Donadoni un anno e mezzo fa.

RIVOLUZIONE – Ottobre del 2010. Sette punti in sette partite e nella solitudine dell’ultima sconfitta (all’Olimpico contro i giallorossi) De Laurentiis fa la rivoluzione. Bye bye Donadoni e chiavi dello spogliatoio a Mazzarri. Il quale arriva, guarda, scruta, fa le consultazioni e disegna la nuova strategia. Prima in casa col Bologna: non cambia nulla, in campo col vecchio 3-5-2, ma alNapoli basta la presenza del nuovo allenatore per prendere i tre punti. Ma già alla seconda il cambiamento è cosa fatta. A Firenze, infatti, passa da quel disegno figlio di Edy Reja e poi di Donadoni, a un 3-4-2-1 parente prossimo d’una squadra col tridente. Vince un’altra volta e comincia così la lunga, fantastica cavalcata azzurra.

COSA CAMBIA? – Ma perché il Napoli cambia così repentinamente da così a così. Che cosa accade nelle stanze azzurre? PerchéCampagnaroZunigaCannavaroAronicaHamsikGargano e lo stesso Lavezzi prima assai indolente, trovano all’improvviso la voglia d’infiammarsi? Perché Mazzarri, questo dice ormai la storia, più di Donadoni (il quale ha avuto comunque poco tempo a disposizione) è fatto per gli azzurri. «Sì, anche lui in allenamento ci diceva dove sbagliavamo, ma una volta e basta. Mazzarri, invece, ti mette sulla croce. Forse per Donadoni uno che gioca in A deve sapere da solo che cosa deve fare; Mazzarri, invece, ti prende da parte e ti spiega tutto cento volte manco tu fossi un ragazzino della scuola calcio», raccontano gli azzurri.  E’ così. Al di là dell’organizzazione in campo, della preparazione, della tecnica individuale sulla quale pure lavora tanto, è diverso il modo di comunicare di Mazzarri.

DIVERSI IN TUTTO – Donadoni parlava al gruppo. Mazzarri, invece, oltre a parlare al gruppo, divide il gruppo in sottogruppi e ci parla ancora e poi passa ai colloqui individuali. Non c’è giorno che non faccia questo. Così passa la maggior parte del suo tempo. Senz’offesa, si capisce, almeno quand’era allenatore azzurro, il rapporto di Donadoni con i suoi appariva, come dire? un po’ elitario, mentre quello di Mazzarri è assai diretto, personale, intimo addirittura. E forse una ragione c’è: vengono da vissuti opposti. Donadoni ha praticato sempre il meglio del pallone e forse s’è abituato ad aver rapporti soprattutto con calciatori già fatti, già completi. Mazzarri, invece, calcisticamente è cresciuto in altro modo, lui al grande calcio c’è arrivato partendo dal basso e da lontano. Storie, uomini, caratteri diversi. Uno nato in collina sulle sponde d’un torrente bergamasco e l’altro, invece, in riva al mare della maremma livornese. E un allenatore di fiume e un altro di scoglio possono mai somigliarsi un po’? Corriere dello Sport.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.