CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Dzemaili in campo quando il gioco si fa duro

Submitted by on sabato, 21 aprile 2012No Comment

Zuniga o Dzemaili per sostituire Lavezzi? Facciamo così, decisione da par condicio: tutti e due in campo. Entrambi, dal primo minuto per provare ad archiviare il Novara e riassaporare il gusto delizioso di una vittoria che in campionato manca ormai dal 9 marzo con il Cagliari. E allora, le novità. Quella tattica e quella degli uomini, direttamente intersecate e assolutamente consequenziali: senza il Pocho e senza Pandev, Mazzarri si affiderà a una formula più solida. Meno fantasia, più muscoli: con Hamsik alle spalle di Cavani e Dzemaili abilitato a galleggiare tra la diga di centrocampo e la trequarti. Con Zuniga a sinistra. Par condicio.

IL DURO – Tutto pronto, insomma. Si parte. A testa bassa e con la formula cuore, polmoni e muscoli: Lavezzi è infortunato e Pandev è squalificato, d’accordo, ma più che lanciare Vargas dal primo minuto anche in serie A – dopo l’esperimento di Coppa Italia – e varare dunque un inedito tridente con Hamsik, Cavani e il cileno, Mazzarri ha deciso di insistere su uno di quelli abituati al gioco duro. Un operaio piuttosto che un fine dicitore del pallone, diciamo così: Dzemaili, più semplicemente, che non ha gli spunti, il talento e le intuizioni di Lavezzi, ma che per corsa e generosità s’è (quasi) sempre fatto apprezzare. Senza tra l’altro disdegnare l’inserimento e la conclusione dalla distanza. Lo svizzero nato in Macedonia insieme con il collega di Nazionale, Inler, e poi Gargano: una diga dalla quale Dzemaili ha molta più licenza e libertà di sganciarsi rispetto ai compagni, per supportare l’azione degli esterni e degli attaccanti: lo slovacco, in versione trequartista, e il Matador unica punta pura.

I RIENTRI – La chiave sarà proprio il centrocampo, insomma: è da lì che dovrà nascere l’azione del Napoli; ed è proprio sulla barriera mediana, che dovranno infrangersi le azioni del Novara. I tre più i due, dicevamo: Maggio a destra e Zuniga a sinistra, entrambi assenti dalla partita con la Juve a Torino, sebbene per motivi differenti, e pronti a riappropriarsi delle fasce. Recupero fondamentale quello di Maggio, fuori causa dal 1° aprile per un problema accusato al 25′ del primo tempo della serataccia dello Juventus Stadium: staff medico e tecnico lo hanno rimesso a nuovo in tre settimane senza calcio giocato (fuori con Lazio e Atalanta; a riposo forzato la settimana scorsa, ma a Lecce non avrebbe comunque giocato). Importante anche il rientro del colombiano, reduce dai due turni di squalifica rimediati a Torino.

DIFESA FEDELE – Per il resto, in difesa spazio al poker dei fedelissimi: De Sanctis in porta e davanti il trio Campagnaro-Cannavaro-Aronica. Puzzle che non si vedeva proprio dalla notte juventina. Per quel che riguarda Lavezzi, fuori causa per un problema muscolare come Grava, ieri ha svolto lavoro differenziato e poi s’è sottoposto al ciclo di terapie: il recupero procede, ma le sue condizioni saranno valutate giorno per giorno prima di sciogliere ogni riserva.

Fonte: Corriere dello Sport

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.