CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Hot News Calcio, Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Esclusiva Insigne: “Con me Napoli da scudetto. Vorrei il 22 del Pocho, perchè..”

Submitted by on domenica, 10 giugno 2012No Comment

La matematica è chiara: 11+11 fa sempre 22. Un numero che, nell’immaginario della Napoli azzurra di passione e di pallone, significa Ezequiel Lavezzi. Il parigino, sì, proprio lui: la ferita grondante amore che s’è aperta nel cuore della città. E allora? Cercasi nuovo idolo scugnizzo. Meglio ancora se, oltre ai colpi di genio, sfoggia anche un viso scolpito nella pietra napoletana doc. No? “Eh?”. Lorenzo Insigne dice così: “Eh?”. Che sa di tutto e sa di niente. Di sogni e suggestioni che, per uno abituato a sudare più degli altri e a parlare meno di tutti, fanno anche paura. A quanto pare, però, questa potrebbe essere la volta buona per il genietto scoperto e pagato 1.500 euro da Giuseppe Santoro nel 2005: De Laurentiis ha spiegato che sarà un giocatore del Napoli e lui ha sorriso. Ma tanto. E poi l’ha buttata lì: “Se è libero, potrei prendere il numero 22?”. Sì, proprio quello del Pocho. Uno va, l’altro viene e chissà. Il popolo azzurro non chiede di meglio. Sa che la gente è già innamorata pazza di lei e i club che la vorrebbero strappare al Napoli non si contano? «I complimenti m’imbarazzano» .

Anche quelli di De Laurentiis?
«Certo. Però ho provato gioia vera: le splendide parole del presidente mi hanno fatto capire che mi stima. E questa cosa mi rende immensamente orgoglioso».

Domanda che sembra facile: cos’è il Napoli per lei?
«E’ il sogno di un bambino nato in questa città. E’ il sogno di tutti i ragazzini napoletani che giocano a calcio. Che crescono sperando di indossare, un giorno, la maglia azzurra e giocare al San Paolo. Cosa c’è di più bello? Niente. Spero davvero che ci possano essere le condizioni».
Ecco: le spieghi bene, queste condizioni.
«Ho letto che sarei tornato a Napoli soltanto se fossi stato considerato al livello degli altri, ma non è assolutamente così. Innanzitutto perché è il club a decidere se tornerò. Ma poi, com’è possibile pensare che mi ritenga al pari di Cavani, Pandev e Hamsik? Per condizioni migliori, intendo dire essere considerato pronto per l’uso nel caso in cui manchi uno di questi campioni. Rientrare nelle logiche del turnover. Per rendere bene l’idea, e senza mancare di rispetto, sarebbe bello se fossi considerato un po’ come il Pandev dell’anno scorso».

In questi giorni ha parlato con De Laurentiis o Mazzarri?
«No, ma ho sentito Bigon: mi ha detto di stare sereno, di non avere fretta».

Altri consigli ricorrenti di questi tempi?
«Il capitano, Paolo Cannavaro, mi ricorda sempre di non sentirmi arrivato e di lavorare ogni giorno di più. Sono molto legato a lui e a Grava, ma ho un ottimo rapporto con tutti i ragazzi conosciuti due anni fa».

Lavezzi andrà al Psg: che ricordo conserva di lui?
«Tutti sanno che è un fenomeno, un calciatore straordinario, ma forse non tutti conoscono il suo lato umano: è un campione anche nella vita. Umile e gentile. Non ha mai fatto pesare di essere il Pocho né a me, né agli altri ragazzi della Primavera che frequentavano la prima squadra: per lui eravamo parte integrante, tutti allo stesso livello».

Che numero di maglia le piacerebbe avere nel Napoli?
«Se è possibile, se è libero, potrei prendere il 22».

Quello del Pocho, ottima scelta.
«Sì. Cioè no, per carità non facciamo paragoni: diciamo che avevo l’11 sia a Pescara sia a Foggia, e 11+11 fa 22?».
Dribbling alla Insigne. A proposito del recente passato, ha sentito Zeman? Sembra che la voglia anche a Roma.
«L’ho chiamato soltanto per complimentarmi. Per me resta un maestro, un punto di riferimento in campo e nella vita».
Quante foto e quanti autografi fa al giorno?
«Ma che ne so. Però se me lo chiede un bambino sono felice: mi emoziona, farei di tutto per non deludere i bambini».

Dove andrà in vacanza?
«Dipende dagli impegni: ho già dovuto annullare un viaggio a Miami con gli amici, perché a fine mese sarò a Milano per la presentazione di un libro fotografico di Dolce&Gabbana. Ho posato insieme con altri calciatori».

I modelli sono colossi: lei, di preciso, quanto è alto?
«Un metro e sessantatre centimetri. E infatti a Napoli mi hanno sempre chiamato Nano».

A Pescara, invece, Lorenzo il Magnifico.
«E la signora Giulia, la moglie del mio manager Antonio Ottaiano, mi chiama Piccola Pulce».

Tipo mini Messi. Come mai voi piccoletti, vedi Leo e Giovinco, siete così bravi?
«Magari perché Madre Natura ci ha tolto qualcosa e ci ha dato altro?».

Ride, Insigne. Domande personali: situazione sentimentale, automobile musica e film.
«Single. Mini Cooper Countryman: quella più alta, sa com’è? Musica: pop e leggera. A cinema amo le commedie. Soprattutto i Cinepanettoni di De Laurentiis».

Ha mandato un sms a Maggio e a De Sanctis? Oggi debuttano all’Europeo.
«No, ho perso tutti i numeri. Lo faccio ora: in bocca al lupo ragazzi! Forza Italia!».

Chi vincerà l’Europeo?
«Spero l’Italia, ma occhio a Spagna e Germania».

Sia sincero: meglio che l’Italia vinca l’Europeo o che il Napoli vinca lo scudetto?
«Meglio che vincano entrambi. Però sarebbe ancora meglio se il Napoli vincesse lo scudetto con me. Posso sognare?».

Fonte: Corriere dello Sport

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.