CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Hot News Calcio, Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Juventus – Napoli 3-0. Azzurri Inguardabili

Submitted by on domenica, 1 aprile 2012No Comment

Bonucci, Vidal e Quagliarella (che non esulta): finisce 3-0 a Torino. Espulso Zuniga nel finale, la squadra di Mazzarri mai in partita

TORINO – La Juve è a -2 dal Milan. La squadra di Conte liquida 3-0 nel posticipo il Napoli con i gol di Bonucci, Vidal e Quagliarella e accorcia le distanze dai rossoneri primi in classifica. Una prestazione da incorniciare per i bianconeri che hanno lasciato le briciole alla squadra di Mazzarri, mai capace per 90 minuti di impensierire seriamente Buffon. Ha vinto il carattere, la grande determinazione, la voglia matta di giocarsi lo scudetto fino alla fine degli indiavolati uomini di Conte, padroni del campo dall’inizio alla fine. Ha fatto la differenza soprattutto il centrocampo bianconero, con il fosforo di Pirlo ma soprattutto con il dinamismo di Marchisio e e la poliedricità di Vidal, bravo in tutte le fasi di gioco e in assoluto il migliore in campo. Serata da dimenticare invece per il Napoli, che fallisce l’occasione di recuperare terreno in chiave Champions dopo una partita giocata in maniera irriconoscibile, con un centrocampo che ha sofferto molto più del dovuto e con i tre tenori non pervenuti.

LA JUVE PREME…. – Nella bolgia dello Juventus Stadium, strapieno, Conte sceglie un modulo a specchio rispetto al Napoli, un 3-5-2 con Borriello e Vucinic tandem offensivo. Gli azzurri, con il lutto al braccio per la scomparsa dell’ex direttore del Corriere dello Sport-Stadio Antonio Ghirelli, recuperano anche Maggio e scendono in campo con i titolarissimi. Ha grande voglia di fare la partita la Juve, troppo ghiotta l’occasione di accorciare le distanze dal Milan per non lanciarsi subito all’assalto. Con Pirlo, Vidal e Marchisio che prendono il comando a metà campo, i bianconeri mettono in difficoltà il Napoli con il loro ritmo e la loro manovra avvolgente. Borriello è il più pericoloso e sfiora due volte di testa il vantaggio in pochi minuti. La squadra di Mazzarri soffre e ci mette quasi un quarto d’ora ad uscire per la prima volta dal guscio, con Hamsik che in percussione dribbla anche Buffon, ma non riesce a concludere in porta. La serata si complica quando Maggio, a metà tempo, è costretto ad alzare di nuovo bandiera bianca per il problema muscolare che lo ha afflitto nelle ultime settimane: in campo entra Dossena, con Zuniga che trasloca a destra. La Juve continua a dettare i tempi e, oltre a tre velenose punizioni dalla distanza di Pirlo, va vicinissima al gol con un’incornata di Vidal che si perde di poco a lato.

…POI CALA IL TRIS - Parte all’arrembaggio anche nella ripresa la squadra di Conte e, dopo un miracolo di De Sanctis su una deviazione ravvicinata in mischia, trova il vantaggio sempre sugli sviluppi di una palla inattiva: in mischia e, forse leggermente al di là dei difensori, Bonucci di ginocchio trova la deviazione vincente su tiro di Vucinic. Esplode di gioia lo Juventus Stadium, esulta Conte. Lichsteiner, già ammonito, rischia di rovinare la serata con una simulazione sulla trequarti che poteva costargli il secondo giallo: Orsato lo grazia. Con la Juve che gioca sulle ali dell’entusiasmo fa fatica a reagire il Napoli, nonostante le mosse di Mazzarri che fa entrare Pandev e Dzemaili al posto di Inler e Hamsik. Conte richiama Lichsteiner (a rischio rosso) e Borriello (fischiato dai suoi tifosi) e concede spazio a Caceres a Quagliarella. Ma è l’inesauribile Vidal a trovare il raddoppio, con un potente sinistro che non lascia scampo a De Sanctis dopo una serie di finte e doppi passi su Campagnaro. Poi è proprio il grande ex della partita Quagliarella, dopo aver provato una spettacolare conclusione da metà campo, a segnare il gol che chiude la contesa (destro sul primo palo che sorprende De Sanctis) senza esultare. Nel finale, con in campo anche Del Piero, Zuniga si fa espellere per una gomitata a Chiellini, mentre lo Juventus Stadium fa festa cantando “Oje vita, oje vita mia” a mò di sfottò per i tifosi azzurri. La rivincita il 20 maggio a Roma, nella finale di Coppa Italia.  CDS

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.