CalcioMercato

Notizie di Calcio Mercato del Napoli. I nuovi acquisti del Napoli

Classifica Serie A

Classifica aggiornata della Serie A TIM. Aggiornamenti a fine partita.

Ultimissime calcio Napoli

Ultimissime Calcio Napoli. Approfondimenti e notizie a cura di calcio.na.it.

Risultati e Calendario Serie A

Tutti i risultati e le partite del Campionato del Napoli.

Pronostici Calcio Serie A

Pronostici Serie A. Consigli per scommettere

Home » Napoli, Ultimissime calcio Napoli

Messi nella storia, terzo Pallone d’Oro consecutivo

Submitted by on martedì, 10 gennaio 2012No Comment

Il fantasista del Barcellona conquista il trofeo per la terza volta consecutiva, eguagliando Michel Platini

ROMA - Lionel Messi ha vinto il Pallone d’Oro. Il fantasista argentino del Barcellona ha battuto il compagno di squadra Xavi e Cristiano Ronaldo del Real Madrid. Vincendo per la terza volta consecutiva il trofeo ha eguagliato Michel Platini, che lo aveva conquistato dal 1983 al 1985.

LE PAROLE DI MESSI - “Voglio dividere questo premio con il mio compagno al Barcellona Xavi, credo che anche tu meriti questo premio, è un piacere giocare con te“. Parola di Lionel Massi subito dopo aver eguagliato Michel Platini con il terzo Pallone d’oro consecutivo. “È un piacere enorme per me vincere il terzo Pallone d’Oro – ha aggiunto il fantasista argentino - voglio ringraziare e dividere questo premio anche con la gente che mi ha votato, i giocatori, i compagni e i tecnici“. “Voglio in particolare ringraziare i miei compagni del Barcellona e della Nazionale argentina. Spero di vincere molte più cose con la Nazionale argentina e con il Barcellona“. 

LA SCHEDA - Lionel Messi come Michel Platini. Ha vinto il terzo Pallone d’Oro tre volte di seguito. E il prossimo 24 giugno compirà appena 25 anni. Tanto basterebbe a riassumere la già straordinaria carriera della ‘Pulcè argentina. Iridato con l’Under 20 in Olanda nel 2005, oro alle Olimpiadi di Pechino tre anni dopo e, soprattutto, carico di trofei conquistati con la maglia del Barcellona. Centosessantanove centimetri di tecnica purissima, un dominio assoluto del pallone (tanto da meritarsi le copertine dei videogiochi più in voga), l’attaccante nato a Rosario arriva in Spagna a soli 13 anni, nelle giovanili del Barcellona che lo preleva dal Newell’s Old Boys. Il club catalano lo sottopone alle cure necessarie per guarirlo da una malattia ormonale. Lui ripaga la fiducia con un crescendo che lo porta ad esordire in prima squadra già nell’ottobre 2004. Quando realizza il primo gol, contro l’Albacete, il primo maggio 2005, ha solo 17 anni, 10 mesi e sette giorni. Non per nulla il Barcellona già nel 2005 si affrettò a ‘blindarè le sue prestazioni con un contratto fino al 2014 (oltre ad una clausola rescissoria da 150 milioni di euro ed un ingaggio da 10 milioni netti a stagione). Ma i legali del club stanno già preparando un ulteriore prolungamento fino al 2016, con clausola portata a 250 milioni. Con i blaugrana Messi fino ad ora ha giocato in campionato 192 partite, segnando 136 reti. Ha vinto cinque volte la Liga, altrettante Supercoppe di Spagna, tre Champions League (dove ha realizzato 43 reti in 62 presenze), due Supercoppe Uefa e due Mondiali per club. È stato nominato Fifa World Player nel 2009. Con la Nazionale argentina ha messo a segno 19 gol in 67 partite. Nel 2007 ha creato una fondazione benefica che porta il suo nome e si occupa di fornire cure ai bambini indigenti.

L’ALBO D’ORO 
- Lionel Messi come Michel Platini. Per la terza volta consecutiva il fuoriclasse del Barcellona è riuscito a battere la concorrenza portandosi a casa il Pallone d’Oro già conquistato negli ultimi due anni. La ‘triplettà di Platini, oggi presidente Uefa, fu messa a segno invece tra ’83 e ’85, quando il fuoriclasse francese era alla Juventus. Ecco l’albo d’oro del premio. 1956: Stanley Matthews (Ing) 1957: Alfredo Di Stefano (Spa) 1958: Raymond Kopa (Fra) 1959: Alfredo Di Stefano (Spa) 1960: Luis Suarez (Spa) 1961: Omar Sivori (Ita) 1962: Josef Masopust (Cze) 1963: Lev Yachine (Urss) 1964: Denis Law (Sco) 1965: Eusebio (Por) 1966: Bobby Charlton (Ing) 1967: Florian Albert (Ung) 1968: George Best (Nir) 1969: Gianni Rivera (Ita) 1970: Gerd Muller (Ger) 1971: Johan Cruyff (Ola) 1972: Franz Beckenbauer (Ger) 1973: Johan Cruyff (Ola) 1974: Johan Cruyff (Ola) 1975: Oleg Blokhine (Urss) 1976: Franz Beckenbauer (Ger) 1977: Alan Simonsen (Dan) 1978: Kevin Keegan (Ing) 1979: Kevin Keegan (Ing) 1980: Karl-Heinz Rummenigge (Ger) 1981: Karl-Heinz Rummenigge (Ger) 1982: Paolo Rossi (Ita) 1983: Michel Platini (Fra) 1984: Michel Platini (Fra) 1985: Michel Platini (Fra) 1986: Igor Belanov (Urss) 1987: Ruud Gullit (Ola) 1988: Marco van Basten (Ola) 1989: Marco van Basten (Ola) 1990: Lothar Matthus (Ger) 1991: Jean Pierre Papin (Fra) 1992: Marco van Basten (Ola) 1993: Roberto Baggio (Ita) 1994: Hristo Stochkov (Bul) 1995: George Weah (Lbr) 1996: Matthias Sammer (Ger) 1997: Ronaldo (Bra) 1998: Zinedine Zidane (Fra) 1999: Rivaldo (Bra) 2000: Luis Figo (Por) 2001: Michael Owen (Ing) 2002: Ronaldo (Bra) 2003: Pavel Nedved (Cze) 2004: Andrei Shevchenko (Ucr) 2005: Ronaldinho (Bra) 2006: Fabio Cannavaro (Ita) 2007: Kaka (Bra) 2008: Cristiano Ronaldo (Por) 2009: Lionel Messi (Arg) 2010: Lionel Messi (Arg) 2011: Lionel Messi (Arg).

IL GOL PIU’ BELLO 
- È del brasiliano Neymar, asso 19enne del Santos, il gol più bello del 2011. È infatti lui il vincitore del premio Ferenc Puskas, secondo quanto è stato annunciato nel corso del Gala della Fifa. Il ‘capolavorò di Neymar risale al 7 luglio scorso, nella partita di campionato Flamengo-Santos finita 5-4. Quello del n.11 era stato il gol del 3-0 per gli ospiti. Al premio Puskas concorrevano anche il bellissimo gol segnato in rovesciata da Wayne Rooney nel derby di Manchester del 2 febbraio ed il ‘sombrerò di Messi al portiere dell’Arsenal nella sfida dei quarti di Champions League giocata l’8 marzo. “Ringrazio Dio per questa conquista e per aver battuto due fuoriclasse di cui sono un grande ammiratore“, è stato il commento di un emozionato Neymar.

FARINA 
- “Non è facile, ma bisogna trovare la forza di andare avanti nella vita“. Simone Farina il suo piccolo ‘Pallone d’Oro’ l’ha vinto denunciato il tentativo di corruzione nel caso calcioscommesse. E per questo Blatter lo ha invitato a presenziare alla cerimonia del Pallone d’Ooro. “Vorrei ringraziare il presidente della Fifa, è un grande onore per me“, ha detto il giocatore del Gubbio. “Ci tengo a farti i complimenti per il tuo coraggio e la tua correttezza“, le parole di Blatter a Farina. “Hai rifiutato la proposta che ti hanno fatto, sei un esempio per il futuro. Se ci sono dei giocatori come te che combattono contro questa mafia possiamo guardare con fiducia al futuro

DONNE, DOPPIETTA GIAPPONE 
- Doppietta del Giappone nel Pallone d’Oro al femminile. Il trofeo per la miglior calciatrice del 2011 è infatti andato alla 33enne Homare Sawa, che ha trascinato la nazionale nipponica al suo primo titolo iridato. In occasione del Mondiale la Sawa era stata eletta miglior giocatrice del torneo. Il suo successo ha impedito alla brasiliana Marta di vincere il suo sesto Pallone d’Oro. Successo giapponese anche fra gli allenatori: il migliore del calcio donne è il ct Norio Sasaki. È poi da notare che il Giappone, inteso come federazione calcistica, ha vinto anche il premio Fair-Play della Fifa per il modo in cui ha recuperato dai danni e problemi causati dal terremoto e dallo tsunami che hanno colpito il paese nel marzo scorso. CDS

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.